A Foggia in località Borgo Mezzanone all’interno dell’ex Cara (Centro richiedenti asilo politico) ormai in disuso da circa 2 anni, è stato allestito un campo di accoglienza per migranti che hanno contratto il Covid 19. La struttura realizzata dalla Protezione Civile contiene al suo interno moduli abitativi adibiti alla cura dei casi postivi tra i migranti, ma anche spazi dove la ASL effettuerà i tamponi e una postazione del 118. Il servizio sarà destinato sia a coloro che vivono nel ghetto sia ai residenti dei moduli dell’ex centro per richiedenti asilo. Saranno ospitati anche eventuali familiari sottoposti a quarantena fiduciaria. In caso di necessità, inoltre, sarà previsto il trasferimento nelle strutture sanitarie preposte.

La gestione del nuovo campo è stata affidata alla Federazione delle Misericordie di Puglia dalla Protezione Civile regionale. “Questo campo Covid – ha spiegato Gianfranco Gilardi, Presidente della Federazione delle Misericordie di Puglia – è uno strumento essenziale anche per prevenire possibili focolai anche all’esterno dell’area dell’ex pista e dell’ex Cara di Borgo Mezzanone”.