Continua a far discutere la messa in sicurezza della SS16, la strada statale Adriatica che collega Padova a Otranto. A preoccupare maggiormente è il tratto Foggia-San Severo a causa della pericolosità degli incroci, dell’assenza di segnaletica adeguata e del manto stradale dissestato e sconnesso in alcuni lunghi tratti della strada. Dopo i recenti incidenti di questi ultimi mesi, sindaci e assessori della Capitanata hanno deciso di protestare chiedendo al presidente della Provincia di Foggia Nicola Gatta un cambiamento sostanziale. I comuni dell’Alto Tavoliere di San Paolo, Apricena, Chieuti, Poggio Imperiale, San Severo, Serracapriola e Torremaggiore attraverso una lettera rivolta al presidente Gatta hanno chiesto il pieno rifacimento e la messa in sicurezza della strada statale 16.

Ad unirsi alla protesta c’è anche il consigliere regionale Antonio Tutolo che ieri mattina avanti la sede della Provincia di Foggia ha comunicato la sua intenzione di occupare la statale 16 il prossimo 30 Agosto.

 “Ci sono risorse stanziate da anni per quella statale e non si sono degnati nemmeno di fare il progetto – ha spiegato il consigliere Tutolo – nel frattempo la gente continua a morire. Non intervenire sulla Foggia-San Severo significa infischiarsene ed è una mancanza di rispetto nei confronti di 600mila persone. Non è soltanto un problema di messa in sicurezza, perché quella è un’arteria importante per il trasporto su gomma e quindi per lo sviluppo di questo territorio. Io non mi arrendo, perché questo non è un destino già segnato, come dicono molti, ma dipende da noi. Ecco perché chiedo sostegno a tutti, anche ai cittadini. La ‘questione Provincia di Foggia’ riguarda tutti”.