sanvalentino

San Valentino nel mondo: una ricorrenza romantica globale

San Valentino è una ricorrenza che tutti conosciamo, anche se le versioni legate alla storia di questa giornata si perdono tra leggende, periodi storici più o meno antichi, vescovi o santi e opere letterarie. Una giornata dedicata all’amore, in senso anche strettamente collegato alla fertilità, esisteva già dai tempi dell’antica Roma, e probabilmente la sfumatura sentimentale si è poi sostituita a quella sessuale intorno al 496 d. C., in un tempo in cui il vescovo Valentino univa segretamente in matrimonio coppie di fidanzati ostacolate nel loro amore.

Esistono oggi tantissime ricorrenze uguali o simili tra loro in tutto il globo, in date a volte differenti, ma tutte collegate tra loro da riti divertenti e più o meno romantici.

In Brasile, per esempio, ‘O dias dos namorados’, ‘Il giorno degli innamorati’, si festeggia il 12 giugno, alla vigilia di Sant’Antonio, tradizionalmente protettore dei matrimoni: anche qui le coppie si scambiano cioccolatini, fiori e messaggi romantici. Chi è single ha più di un’opportunità per rimediare: le donne possono portare con sé una statuetta del santo, alla quale affidano la loro preghiera di diventare mogli, oppure possono posizionare una statua di sant’Antonio a testa in giù in un armadio, per liberarlo solo quando avranno trovato l’amore. E c’è chi affida a dei biglietti sotto il cuscino e all’estrazione a sorte, la possibilità di scegliere con chi organizzare un’uscita romantica.

In Corea del Sud, esiste invece il ‘White Day’, in cui la ragazza regala al ragazzo che le interessa cioccolato o fiori; dopo un mese esatto, se lui è interessato, ricambia il dono. Se il rituale non va a buon fine, tutte le persone ‘scaricate’ si incontrano il 14 aprile a cena nel ‘Black Day’, per parlare delle loro sfortune sentimentali.

Se andiamo in Cina, notiamo che le ricorrenze dedicate agli innamorati sono ben cinque: solo una di queste coincide con la nostra data e persino con le nostre tradizioni, mentre le altre si dividono tra festa delle lanterne, san Valentino bianco, 520 (che è un numero che nella pronuncia cinese significa ‘Ti amo’) e Qixi, il vero e proprio san Valentino cinese.

In Irlanda, un paese ben saldo nella sua cultura gaelica, il giorno degli innamorati si festeggia indossando un anello tipico, che raffigura un cuore tenuto da due mani: a seconda della posizione, viene indicato lo status da single o da impegnato. A Dublino, peraltro, esiste la leggenda che in una chiesa carmelitana siano conservati resti di ossa di san Valentino.

In Finlandia ed Estonia l’amore il 14 febbraio è tutto per l’amicizia: piuttosto che concentrarsi su pensieri romantici dedicati alle coppie, gli amici si scambiano pensieri e regalini gentili e affettuosi, mentre in Galles l’amore corre sul filo di cucchiai di legno, intagliati ad hoc per essere regalati alle persone amate.

Nelle Filippine, il governo offre nel giorno dedicato agli innamorati la possibilità di sposarsi completamente gratis nei luoghi pubblici, e negli Stati Uniti è stato stimato che circa il 15% delle donne si invia fiori a casa da sola in quel giorno speciale.

Un mondo di idee e di modi di festeggiare, dunque, perché come scriveva Torquato Tasso, “perduto è il tempo che in amor non si spende”.